DECRESCITA RESPONSABILE ovvero LATOUCHE IN SINTESI


A guardarla giorno dopo giorno sui giornali e sui telegiornali questa ‘crisi’ mondiale, siamo nostro malgrado tentati di seguirla passo passo, tra slogan, paure, domande e speranze, entrando in discorsi ristretti che tolgono l’aria e la visione d’insieme.  E allora ci ritroviamo a cercare un ‘salvatore’…ora individuato in un economista di fama, ora in un novello masaniello. Proviamo invece a considerare il mondo come un laboratorio, come alla fine è. In un laboratorio i fenomeni si osservano e la loro interpretazione non è lasciata ai dilettanti e ai ciarlatani.

Diagnosi. “La disintegrazione del tessuto industriale distrugge la solidarietà nazionale e aumenta la distanza tra la media statistica e la variazione reale dei livelli e dei modi di vita. Le disuguaglienze aumentano a tutti i livelli. In ogni Paese, così come su scala mondiale, si dilatano le distanze fra i più poveri e i più ricchi, raggiungendo proporzioni inaudite**.

–  Effetti a breve. “Il controllo, provvisoriamente rimpiazzato da una politica industriale alla ricerca dei suoi principi, tende a perdere ogni consistenza. La crisi dello Stato sociale e lo smantellamento dei sistemi di protezione sociale conducono semplicemente alla crisi dello Stato tout court. La spoliticizzazione dei cittadini e la sostituzione delle istituzioni politiche con organi amministrativi finiscono con lo svuotare lo Stato-nazione del suo contenuto**.

–  Effetti a medio-lungo termine. “La deterritorializzazione economica e sociale non sfocia tanto in un nuovo ordine internazionale, o anche in un ordine mondiale, quanto in un disordine, nel caos. Questo disordine è già in atto in molti paesi semi-industrializzati. Un ministro brasiliano ha detto a proposito della regione di Sao Paulo: “E’ una Svizzera circondata da venti Biafra“. Questo tende a diventare vero su scala planetaria. Laddove c’è un’impresa, un impianto industriale, commerciale, un centro di ricerca, che sia a Singapore, nella Silicon Valley o nel Katanga, lì regneranno una relativa prosperità, una società di consumi, o addirittura un sostituto regionale dello Stato sociale. Laddove non c’è mai stato nulla, laddove imprese o uffici hanno chiuso i battenti, al Nord come al Sud, emergono o persistono miseria e povertà senza protezione sociale di alcun tipo e senza solidarietà. In questo mondo a macchia di leopardo la politica scompare, mentre l’amministrazione e la burocratizzazione si rinforzano, e gli apparati di polizia diventano autonomi per gestire tensioni spersonalizzate**.

Rimedi. La società post-industriale era immaginata come la società del futuro, basata sui servizi, ad ogni livello…. ed i beni, quelli attualmente prodotti nelle fabbriche, sarebbero stati forniti dall’attuale terzo mondo in espansione economica. Ma le cose non sono andate come previsto, poichè i modelli non hanno tenuto conto del fattore A…Avidity…che avrebbe dovuto essere sotto controllo costante grazie ad una legislazione ad hoc. Ma il legislatore, ovunque, s’è mostrato succube del potere finanziario e sappiamo come è andata a finire. I rimedi suggeriti dall’osservazione del laboratorio-mondo sono dunque orientati al contrario esatto di ciò che lo sta portando al disastro, e cioè indirizzati alla decrescita e alla localizzazione intesa come non globalizzazione, che abbiamo visto lasciare indietro interi pezzi di mondo, e ovviamente all’abolizione del PIL come strumento per la misura dl benessere, che in una visione olistica degli esseri umani è davvero l’ultima cosa da considerare.

La decrescita responsabile è un concetto filosofico prima che economico e dunque non può essere imposto per legge, ammesso che appaiano sulla scena legislatori tanto lungimiranti, e dunque necessita di farsi strada nei singoli come la Weltanshauung del terzo millennio, un vero capovolgimento della visione del mondo…il solo modo per salvarlo dal disastro incombente, dove la guerra nucleare dei nostri incubi è solo una metafora del NWO, il Nuovo Ordine Mondiale che alla fine farà solo un gran cumulo di macerie..

[ Carlo Anibaldi – 2012]

Serge Latouche

Bibliografia **Serge Latouche (Vannes, 12 gennaio 1940) è un economista e filosofo francese, sostenitore della decrescita conviviale e del localismo, intese come le sole attività in grado di fornire i mezzi materiali per il soddisfacimento dei bisogni delle persone nella società post-industriale.

12 Dicembre 1969 VERITA’ NASCOSTE


12 dicembre 1969 – Strage di Piazza Fontana. Dopo 42 anni è ancora “una Verità Nascosta”

Cosa allora si potrebbe scrivere sulla lapide delle vittime di quella odiosa strage? E su

quelle delle vittime delle tante altre stragi senza giustizia di quegli anni? Queste lapidi

sono bianche e immacolate, di marmo vergine, o tali dovrebbero essere, perché solo

quando le vittime avranno giustizia ci sarà un epitaffio da incidere.

Le celebrazioni delle ricorrenze storiche portano con sé il ricordo di quanti, coinvolti nell’evento, hanno perso la vita perché l’evento si dispiegasse. La Storia procede con un susseguirsi di immagini, non a caso il più delle volte cruente, a causa dei forti radicamenti che si vanno a sconvolgere; è dunque per l’aprirsi di nuovi scenari che gli eventi divengono Storia. Non è questo il caso, poiché questa non è Storia, ma una Verità Nascosta.

Sono molti coloro che datano l’inizio della cosiddetta ‘strategia della tensione’ o degli ‘opposti estremismi’ al 12 dicembre 1969, il giorno dell’esplosione della bomba alla BNA di Piazza Fontana a Milano, ma altrettanti sono convinti che questa datazione sia arbitraria ed emotiva, facendo infatti risalire l’inizio dei ‘Misteri d’Italia’ a qualche anno prima, quando ‘cadde’ l’aereo di Enrico Mattei, se non addirittura al 1° Maggio 1947, giorno della strage di Portella della Ginestra. La difficoltà di datazione di questo periodo oscuro della Storia d’Italia è probabilmente dovuta al fatto che la storia stessa della Repubblica è, fin dai primi giorni di vita, connessa alla storia dei nostri servizi di Intelligence che, come ogni Servizio di questo genere, non hanno, per definizione, la trasparenza fra i valori fondanti.

Molti sono gli autori, giornalisti, osservatori e storici, che hanno scritto di questa orribile strage e del lunghissimo iter giudiziario che ne seguì. Quello che vogliamo invece fare qui oggi è rivolgere un pensiero alle vittime innocenti e ai loro familiari e cercare di vedere l’evento dal loro punto di vista, per quanto possibile.

Le vittime di eventi bellici o rivoluzionari e perfino le vittime di incidenti di ogni tipo ed i loro familiari, si fanno alla fine una ragione, se così mi posso esprimere, di quanto accaduto, secondo una scala di consapevolezza che va dal futile all’eroico, passando per una moltitudine di situazioni intermedie che alla fine sono quelle sintetizzate negli epitaffi.

Ma cosa è umanamente misericordioso e sensato scrivere sulla lapide delle vittime di quella odiosa strage? E in quella delle vittime di altre stragi di quegli anni, che a centinaia non hanno potuto avere giustizia né comprensione terrena? Se mai esistesse un’altra forma di giustizia, a quella varrebbe la pena di affidarsi, ma temo non ci sia nulla oltre la legge del contrappasso, talvolta. Questa è la vera pagina nera di questa Repubblica: ci sono dei morti, tanti morti, che non sono né partigiani né fascisti, né rivoluzionari né oppressori, né guardie né ladri e al tempo stesso ci sono degli assassini che non sono finiti nella polvere, né in galera né davvero liberi, se mai hanno avuto una coscienza.

Queste lapidi sono bianche e immacolate, di marmo vergine, o tali dovrebbero essere, perché solo quando le vittime avranno giustizia ci sarà un epitaffio da incidere. Nel corso di vari processi penali è alla fine affiorata la dinamica scellerata dell’attentato e qualche manovale della morte e del dolore ha vissuto i suoi ultimi anni in prigione, ma questi processi sono stati utili, alla fine, per dare non giustizia, ma consapevolezza delle dinamiche e, attraverso queste, visione del disegno, questo sì, eversivo della volontà popolare. Come tutti sappiamo, fu all’inizio seguita, o meglio, creata, una ‘pista anarchica’ che vedeva la cellula anarchica milanese del Ponte della Ghisolfa, rappresentata dal ferroviere Giuseppe Pinelli, come l’ideatrice ed esecutrice dell’attentato alla BNA, insieme a quello che avrebbe dovuto dispiegarsi nelle stesse ore alla Banca Commerciale e che non produsse un’esplosione ed altri attentati dinamitardi che in quel giorno, fra Roma e Milano nell’arco di una cinquantina di ore, si verificarono. Queste cellule anarchiche, come ogni movimento di questo tipo in Italia e nel mondo, perseguono attentati dinamitardi dimostrativi, contro ogni potere costituito che limiti le libertà fondamentali dell’individuo.

Ideali di violenza, senza meno assai discutibili, ma che per statuto fondante, mai avevano avuto lo scopo di spargere sangue ritenuto innocente. Dunque l’accusa fatta al Pinelli di aver organizzato un attentato tanto sanguinoso, col concorso della cellula romana, rappresentata da Pietro Valpreda, sconvolse a tal punto Giuseppe Pinelli, che durante un drammatico interrogatorio nei giorni successivi alla strage, alla Questura di Milano, cadde, non si sa quanto volontariamente o in seguito a malore, dalla finestra e ne morì. Questa la versione ufficiale della Questura. La contestazione alla versione ufficiale fu talmente accesa da parte degli ambienti dell’estrema sinistra legati all’organizzazione Lotta Continua, che ne scaturì la morte violenta del commissario Calabresi, ritenuto da questi il responsabile della morte, non creduta accidentale o suicidaria, del Pinelli.

Nel corso di un ventennio di udienze in diversi processi, emersero circostanze incredibili. L’attentato doveva essere dimostrativo come altri in quel periodo, e fu organizzato dagli anarchici per un orario successivo alla chiusura della banca, ma infiltrati neofascisti dell’organizzazione Ordine Nuovo raddoppiarono la borsa e dunque le bombe, all’insaputa degli anarchici e oprattutto ne anticiparono lo scoppio in un orario di apertura al pubblico.

Le carte processuali ci dicono anche di depistaggi, pedinamenti e infiltrazioni organizzate da fronde deviate dei servizi di intelligence. La data del 12 dicembre fu scelta in coincidenza con un viaggio a Milano dell’anarchico Valpreda. Un sosia del Valpreda fu fatto scendere da un taxi davanti alla BNA con una borsa. Testimonianze incrociate portarono all’arresto di Valpreda e alla sua incriminazione. Ma questo era solo il primo atto di una marcia di avvicinamento alla verità che durò un ventennio, senza peraltro produrre certezze processuali definitive sui mandanti occulti e sui loro inconfessati scopi eversivi.

In questo 41° anniversario della strage, nel ricordare le diciassette vittime, il nostro pensiero va a questo modo di ‘diventare Storia’, un modo che toglie anche la dignità alla morte, che dissolve persone incolpevoli in una nuvola rovente e densa di verità nascoste.

Questa nuvola è tutta italiana e purtroppo arriva da lontano, da quel dopoguerra che da noi è stato il più lungo del mondo intero. Un dopoguerra che per vili ragioni di realpolitik non ha potuto trovare pace, poiché non ha del tutto escluso dalla vita civile e dalle Istituzioni, personaggi e burocrati del disciolto partito fascista e della Repubblica di Salò, che per nulla avevano in animo amore per questa nuova Nazione, facendone anzi, in varie e documentate circostanze, i fondatori e gli alti funzionari dei neonati Servizi di Intelligence. Queste furono le scellerate premesse da cui derivò un sessantennio di Misteri d’Italia, che passano impuniti per la morte di Enrico Mattei, Mauro De Mauro, Pierpaolo Pasolini, Mino Pecorelli ed altri e che oggi ci costringono a commemorare queste ed altre vittime senza ‘parte’, senza ‘causa’, senza barricate, senza ideale o bandiera, di fronte alle quali altro non possiamo fare che chinare il capo per la vergogna.

Carlo Anibaldi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: