ODIO FACEBOOK…UN PO’


 Stavolta ne parlo un po’ male và, altrimenti scambio la dipendenza per affetto e invece tocca stare all’erta. Un posto dove tutti i gatti sono bigi, dove i normali sembrano idioti e gli idioti normali. Il peso di una osservazione costante da parte di sconosciuti mi agita, nonostante alla fine è proprio l’attenzione che andiamo cercando….e pure le dinamiche di gruppo…o se volete del branco. Non ho mai tollerato il controllo, nè ho mai gradito che estranei si facessero gli affari miei, proponessero chat o confidenze tanto improvvise quanto incongruenti e fastidiose. Qualche giorno fa un signore mi ha chiesto amicizia e dopo un quarto d’ora mi è arrivata la richiesta della mail privata, dove mi è giunto un .pdf di 200 pagine con tutta la sua vita con foto a corredo. Parecchi non conoscono il limite delle cose, nè capiscono i termini esatti della  loro invasione pseudoaffettiva. Nè hanno riflettuto sul fatto che dietro lo schermo ci siano persone e sensibilità. Ho detto basta a tutto ciò a più riprese…senza successo. Basta ai rapporti di plastica. Basta agli attentati alla mia privacy, alle vendette e alle ritorsioni infantili di certuni. Ho imparato a mie spese che i socialnet non farebbero per me, ma tant’è…si diventa un po’ dipendenti. Amo le persone che sanno costruire un rapporto interpersonale senza enfasi, senza promesse non sollecitate….semplicemente vivendolo giorno per giorno. Ma il tempo di coltivare rapporti in questa società schizzata e in queste città trappola, non c’è più…e fioriscono allora questi surrogati della vita stessa. Se il computer desse anche da mangiare per alcuni sarebbe la mamma, sorella, amante e moglie.

Amo chi si mette in contatto con delicatezza, senza entrare a gamba tesa raccontandomi la sua vita dopo cinque minuti o ore o giorni di ‘amicizia’….che mica sono il prete o lo psicocoso tascabile. Amo chi mi chiede: ”cosa intendevi dire quando hai scritto..?”…  e non passa direttamente agli insulti.

Amo chi non mi chiede di diventare suo fratello sul profilo fb e poi se ne sbatte quando sto muto venti giorni….che in quel tempo potrei essere già stato cremato e disperso. Amo chi non ”tradisce” un’amicizia nè in tempo di pace nè in tempo di guerra. Amo chi sa mantenere la parola data o un segreto…anche se i segreti si sa, funzionano solo in amore, talvolta e per un po’, quasi mai in amicizia. Amo chi non giudica e piuttosto si domanda ”…e se fosse successo a me?”

Odio chi si comporta come un gatto pur non essendolo…in quanto si sa che solo ai gatti è concesso di sentirsi al sicuro se solo si tolgono il nemico da davanti agli occhi…trascurando che gli si vede tutta la coda…..

Amo chi sa ascoltare. Amo chi non usa mai toni autoritari. Amo chi non ha ideologie. Amo chi sa pensare a un mondo diverso senza aggrapparsi alla speranza.

Amo chi odia la speranza e là non si ferma a guardare il proprio ombelico. Amo chi protegge e aiuta gli indifesi. Amo chi sa parlare con lo spazzino a tu per tu….perchè quello sei tu con un po’ meno di fortuna.

Amo chi ama i libri e comprende la loro importanza. Amo chi sa costruire gli aquiloni o sogna di librarsi in volo buttandosi da un parapendio. Amo il mare e la sua profondita’…il suo mistero. Amo la vita nonostante non riesca quasi mai a viverla come vorrei.

Odio chi afferma che un tempo non c’erano le lampadine e si viveva lostesso…si rideva e si piangeva, si amava e si odiava…sottintendendo che sia cosa da nulla tornare ai lumi ad olio. In realtà la sola libertà che ci possiamo concedere è quella di spegnere la luce di tanto in tanto.

[Carlo Anibaldi – gennaio 2012]

Comments

  1. Amo gli amici veri, anche scorbutici ogni tanto o rompipalle, ma che, quando dicono di volerti bene, sono sinceri. Amo gli amici che non ti cercano soltanto nel momento in cui si sentono soli, o hanno bisogno di “una consulenza”. Amo gli amici presenti anche quando non ci si sente per settimane… so che ci sono comunque!
    So che il post è per tutti i tuoi lettori, comunque grazie Carlo.

  2. tutto molto bello e molto vero, sono d’accordo.

    • Maria Longo says:

      Ciao Carlo,
      sempre scusa il ritardo!
      leggerti è sempre un piacere!!! Noto che la tua analisi su FB riflette simpaticamente quella parte di noi che, non ritrovandosi più in sintonia con la dura realtà dell’oggi, si dibatte tra i pro e i contro del mondo virtuale!!! Io resto pervicacemente più legata a quello reale !!! Devo liberarmi di questa ossessione !!!??? (ahaha) A presto…al prossimo articolo…

  3. Sabrino says:

    🙂 Come non essere d’accordo? Chissà quante volte ce lo siamo detto silenziosamente, tutto questo…mentre pensavamo e tiravamo qualche somma.
    Vale ottimamente come descrizione e avvertenza per i naviganti, amici e non.
    Un caro saluto.

Lascia un Commento (che non apparirà se non attinente al post o se offensivo o se commerciale)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: